LE VARIE MEMBRA ABBIANO CURA LE UNE DELLE ALTRE PERCHE’ SIAMO UNO STESSO CORPO

 

QUAR 5.jpg

QUESTA SERA TI PROPONGO  LA CONGTINUAZIONE DEL                                                                    SECONDO PUNTO DEL MESSAGGIO DEL PAPA PER LA QUARESIMA.

  1. “…I discepoli del Signore, uniti a Cristo mediante l’Eucaristia, vivono in una comunione che li lega gli uni agli altri come membra di un solo corpo. Ciò significa che l’altro mi appartiene, la sua vita, la sua salvezza riguardano la mia vita e la mia salvezza. Tocchiamo qui un elemento molto profondo della comunione:la nostra esistenza è correlata con quella degli altri, sia nel bene che nel male; sia il peccato, sia le opere di amore hanno anche una dimensione sociale. Nella Chiesa, corpo mistico di Cristo, si verifica tale reciprocità: la comunità non cessa di fare penitenza e di invocare perdono per i peccati dei suoi figli, ma si rallegra anche di continuo e con giubilo per le testimonianze di virtù e di carità che in essa si dispiegano. «Le varie membra abbiano cura le une delle altre»(1 Cor 12,25), afferma San Paolo, perché siamo uno stesso corpo. La carità verso i fratelli, di cui è un’espressione l’elemosina – tipica pratica quaresimale insieme con la preghiera e il digiuno – si radica in questa comune appartenenza. Anche nella preoccupazione concreta verso i più poveri ogni cristiano può esprimere la sua partecipazione all’unico corpo che è la Chiesa. Attenzione agli altri nella reciprocità è anche riconoscere il bene che il Signore compie in essi e ringraziare con loro per i prodigi di grazia che il Dio buono e onnipotente continua a operare nei suoi figli. Quando un cristiano scorge nell’altro l’azione dello Spirito Santo, non può che gioirne e dare gloria al Padre celeste (cfr Mt 5,16).

 

 

LE VARIE MEMBRA ABBIANO CURA LE UNE DELLE ALTRE PERCHE’ SIAMO UNO STESSO CORPOultima modifica: 2012-03-01T22:19:00+01:00da caterinafsp
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento