ANCHE OGGI GESU’ RIPETE :” VIENI E SEGUIMI.”QUAL’E’ LA TUA RISPOSTA?

 

OGGI CON TUTTA LA CHIESA CELEBRIAMO LA GIORNATA DI PREGHIERA PER LE VOCAZIONI DI SPECIALE CONSACRAZIONE

VOCAZIONE.jpg

1a-VOCAZIONE-Pregh. x le vocaz.ppt

 

Dal Messaggio di Benedetto XVI

per la 50a Giornata Mondiale

di preghiera per le vocazioni che ha come tema :

“Le vocazioni

segno della speranza fondata sulla fede”

 

Cari fratelli e sorelle, in che cosa consiste la fedeltà di Dio alla quale affidarci con ferma speranza? Nel suo amore. Egli, che è Padre, riversa nel nostro io più profondo, mediante lo Spirito Santo, il suo amore (cfr Rm 5,5). E proprio questo amore, manifestatosi pienamente in Gesù Cristo, interpella la nostra esistenza, chiede una risposta su ciò che ciascuno vuole fare della propria vita, su quanto è disposto a mettere in gioco per realizzarla pienamente. L’amore di Dio segue a volte percorsi impensabili, ma raggiunge sempre coloro che si lasciano trovare. La speranza si nutre, dunque, di questa certezza: « Noi abbiamo conosciuto e creduto l’amore che Dio ha in noi» (1 Gv 4,16). E questo amore esigente, profondo, che va oltre la superficialità, ci dà coraggio, i fa sperare nel cammino della vita e nel futuro, ci fa avere fiducia in noi stessi, nella storia e negli altri. Vorrei rivolgermi in modo particolare a voi giovani e ripetervi: «Che cosa sarebbe la vostra vita senza questo amore? Dio si prende cura dell’uomo dalla creazione fino alla fine dei tempi, quando porterà a compimento il suo progetto di salvezza. Nel Signore Risorto abbiamo la certezza della nostra speranza» (Discorso ai giovani della diocesi di San Marino-Montefeltro, 19 giugno 2011).

Come avvenne nel corso della sua esistenza terrena, anche oggi Gesù, il Risorto, passa lungo le strade della nostra vita, e ci vede immersi nelle nostre attività, con i nostri desideri e i nostri bisogni. Proprio nel quotidiano continua a rivolgerci la sua parola; ci chiama a realizzare la nostra vita con Lui, il solo capace di appagare la nostra sete di speranza. Egli, Vivente nella comunità di discepoli che è la Chiesa, anche oggi chiama a seguirlo. E questo appello può giungere in qualsiasi momento. Anche oggi Gesù ripete: «Vieni! Seguimi!» (Mc 10,21). Per accogliere questo invito, occorre non scegliere più da sé il proprio cammino. Seguirlo significa immergere la propria volontà nella volontà di Gesù, dargli davvero la precedenza, metterlo al primo posto rispetto a tutto ciò che fa parte della nostra vita: alla famiglia, al lavoro, agli interessi personali, a se stessi. Significa consegnare la propria vita a Lui, vivere con Lui in profonda intimità entrare attraverso di Lui in comunione col Padre nello Spirito Santo e, di conseguenza, con i fratelli e le sorelle. E questa comunione di vita con Gesù il «luogo» privilegiato dove sperimentare la speranza e dove la vita sarà libera e piena!…

TUTTO IL MESSAGGIO con un klic sul sito chiesa cattolica

http://www.chiesacattolica.it/cci_new/documenti_cei/2013-01/07-3/Messaggio%20Papa%2050a%20Giornata%20Mondiale%20di%20preghiera%20le%20vocazioni.pdf

 

 

 

ANCHE OGGI GESU’ RIPETE :” VIENI E SEGUIMI.”QUAL’E’ LA TUA RISPOSTA?ultima modifica: 2013-04-20T22:44:23+02:00da caterinafsp
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento